Lascia un commento

Storia di…una vittima di un narcisista


Salve a tutti!

Quanto tempo! Ma finalmente sono riuscita a tornare attiva su questo blog.

In questo post vorrei raccontarvi un po’ cos’è successo e perchè sono sparita.

Spero che la mia storia, seppur lunga da leggere, possa aiutare qualcuno ad uscire da una brutta situazione e soprattutto a riconoscerla per tempo.

Tutto è iniziato nel 2009, quando dopo un periodo davvero brutto della mia vita che, finalmente, giungeva al termine, mi rimetto in contatto con un ragazzo che già conoscevo ma che avevo perso di vista.

Ci cominciamo a sentire su msn (ebbene si, la vecchiaia) ed è veramente piacevole parlare con lui. E’ divertente e dolce al tempo stesso, e già cominciavo ad affezionarmi.

Dopo varie chiaccherate, finalmente ci incontriamo di nuovo dal vivo.

Noto con piacere che è diventato davvero un bel ragazzo.

Ma, andando un po’ veloce nel tempo, una sera dovevamo andare tutti a cena tra amici.

Lui si è subito proposto, anzi quasi preteso, che fosse lui a venirmi a prendere e anche a riportarmi a casa.

La cena scorre amabilmente e arriva il momento di tornare a casa…ma lui non mi porta a casa subito.

Andiamo in spiaggia di notte, sotto le stelle e la fresca brezza marina…ed è così che passammo allo step sucessivo, e lui mi bacia.

Dopo varie visite e incontri, ci mettiamo insieme ufficialmente e, dopo poco, lui si trasferisce in un’altra regione per studiare.

Decido, dopo un anno che stavamo insieme a distanza, di prendere tutte le mie cose e di trasferirmi da lui.

Inizia così la nostra convivenza.

Neanche pochi giorni dopo che mi son trasferita da lui, cominciano i litigi.

Dopo 1 anno di relazione non abbiamo bisticciato neanche una volta.

E li avrei dovuto cominciare a capire qualcosa.

I litigi scoppiavano (partivano da lui) per ogni futile cosa.

Diventano sempre più aspri, fino a dirmi cose veramente gravi e spiacevoli.

Ma io non mi tiro indietro, credendo di essere io il problema, e decido di cominciare un percorso di miglioramento mio personale.

Ma niente andava bene per lui, facevo sempre tutto male.

Durante questa fase era riuscito ad allontanarmi da tutte le mie amicizie e mi impediva di crearne delle nuove.

Finalmente ottengo una promozione a lavoro e decidiamo che era il momento di andare a vivere io e lui da soli in una casa tutta nostra.

E da questo momento in poi le cose precipitano sempre di più.

Volano oggetti, volano pugni sui tavoli e parole sempre più forti…e la prima pugnalata me l’ha inferta dicendomi che lo avevo stufato e che non mi amava più.

Ma io, col mio spirito da vittima e crocerossina contemporaneamente, riesco a convincerlo che cambierò e che non lo farò più arrabbiare, e lui mi “concede” una seconda possibilità.

Dopo solo 2 giorni tutto precipita di nuovo, e io torno ad essere una persona totalmente incapace di fare qualsiasi cosa, pigra, grassa, totalmente inutile per lui.

Ed io comincio a non esistere più.

Non ho più coscienza di me stessa, e credetemi, che sto omettendo veramente tantissimi dettagli, ma veramente tanti.

Cambiamo casa un’altra volta, una casa più grande, con ancora più spazio per fare disordine.

Vengo accusata da lui continuamente di essere disordinata e sporca e che non mi prendevo cura della casa.

Lavoravo 8 ore al giorno, se tutto andava bene, e stavo fuori casa almeno 10 ore al giorno…non avevo tempo di sporcare, di mettere in disordine, ma neanche di pulire ogni singolo giorno.

Da premettere che io lavoravo, e lui faceva finta di essere impegnato, quando in realtà era a casa 20 ore su 24 senza fare nulla di nulla.

Metteva in disordine ed era colpa mia…ed è così che passavo il mio unico giorno libero a settimana a sistemare la casa e “ricostruirla” dopo il suo passaggio.

Mi recriminava ogni cosa…ogni cosa che in realtà faceva lui.

E adorava tanto minacciarmi…la sua minaccia preferita era quella di lasciarmi, e faceva finta di fare le valigie.

Ma dopo nottate infinite di pianti e offese, dove io tacevo e prendevo “schiaffi verbali” da lui, ha deciso che andavo trattata come una bambina, e che quindi andavo “punita”.

Le punizioni erano varie…non mi rivolgeva la parola, non mi diceva che mi amava quando glielo dicevo io, mi faceva dormire da sola nell’altra stanza, mi faceva pagare da sola tutte le bollette o dovevo pagare io tutte le spese.

Ed io ero annientata, non sapevo più chi ero, cosa mi piacesse fare, cosa mi sarebbe piaciuto fare, cosa sapessi fare…ero un guscio…e lui era fortissimo…mi aveva completamente “sequestrata” e “soggiogata”…ero al suo completo servizio.

Ho la fobia dei gechi, tantissimo, e, un giorno, ne è entrato uno a casa…

Mi viene un attacco di panico fortissimo, dove sono in iperventilazione e piango disperatamente…e lui…cosa pensa di fare per farmi calmare?! Mi schiaffeggia.

Io non ho più capito nulla…mi son sentita ancora di più annichilita…una nullità…ed umiliata.

Non sapevo più cosa provavo per lui, e mi chiedevo perchè stessi con lui.

La verità è che non avevo la forza di rendermi “indipendente” da lui…avevo paura di dover fare tutto da sola.

Purtroppo accade che il nostro amato dolce gatto ci lascia improvvisamente…ed io ho subito pensato, come un lampo nella mia mente…”adesso ci lasciamo”, “me lo sento”.

Fu così che, un mese dopo, dopo l’ennesima scenata senza ritegno davanti a mia sorella (la mia roccia, la mia salvatrice), che alle prime luci del mattino, maturo la decisione definitiva di lasciarlo.

Glielo dico, e con una forza che non credevo di avere, mi assorbo tutto il suo sfogo e la sua cattiveria, ma, magicamente, mi scivolano di dosso questa volta.

Finalmente riesco a liberarmi di lui…per sempre…e dopo uno sfogo impressionante…dopo 8 anni di miei silenzi…riprendo a vivere e a respirare.

Tutto cambia ed io divento padrona di me stessa…ed è così che mi rendo conto di cosa mi sia successo nei passati 8 anni.

Sono stata vittima di un narcisista che mi ha violentata psicologicamente e anche fisicamente per ben 8 anni.

Prendo coscienza della mia situazione e comincio a curarmi le ferite…e a perdonarmi…si perchè io sono stata una vittima…non avevo nulla di sbagliato…io ero bella e perfetta così com’ero…ed è per questo che non sono mai cambiata.

Abbiamo tutti dentro di noi un forte spirito di sopravvivenza…ed io…anche se non lo ascoltavo attivamente…mi sono salvata grazie ad esso.

Ora…quello che mi sono proposta di fare è di aiutare…aiutare le persone che stanno vivendo la stessa mia situazione…e raccontare la mia esperienza.

Perchè sono stata vittima di violenze, e ricordiamoci che le violenze non sono solo quelle fisiche, ma anche quelle verbali, che ti porterai dentro per tutta la vita.

Riprendiamoci la nostra vita…accettiamo la nostra condizione per poterla cambiare…e svegliarci.

E denunciamo…queste persone non possono passarla liscia.

Spero che questo post vi possa essere d’aiuto e che vi aiuti ad aprire gli occhi.

Vi saluto, con il cuore pesante, perchè per me comunque non è facile parlarne e rivivere certi ricordi, ma l’ho fatto con piacere.

Alla prossima…

Robs

Lascia un commento

E mi chiedo come sarà la vita dopo tutto questo…


Si me lo chiedo… e sono spaventata.

Come molti, credo, mi sono abituata a stare a casa, a fare le mie cose, come e quando voglio.

Con i miei tempi e senza fatica.

Mi chiedo come sarà tornare ad una pseudo vita normale…come tornare a lavoro.

Chissà come sarà tornare a lavoro…

Lavoro al pubblico in un negozio, e la cosa che mi spaventa è proprio la gente.

Come sarà la gente? avrà imparato qualcosa? Saprà mantenere le distanze? eviterà di venirmi “sul muso” a parlare? Mi toccherà ancora i capelli e il viso quando andrò a proporgli dei prodotti?

Ho paura e non lo nascondo…e dentro di me sento già che ogni giorno sarà una battaglia da combattere.

Ho paura anche di tornare come prima, dove il lavoro assorbiva tutte le mie energie e non avevo voglia di fare nient’altro che stare sdraiata o dormire?

Io spero di si…perchè tutto questo mi ha lasciato un insegnamento…prendermi cura di me stessa sia dentro che fuori.

Io spero tanto che questo non cambierà…e spero anche che la mia vita prenda un’altra piega.

Forse chiedo troppo…

Ormai vivo da giorni in questo divario tra voglia di normalità e voglia di rimanere a casa per sempre dal lavoro…ma come si fa? ancora non ho imparato a campare d’aria, quindi credo che dovrò sforzarmi di trovare un compromesso e di spingere me stessa a prendermi cura di me anche quando il lavoro riempirà gran parte della mia giornata.

Forse avrò bisogno di supporto…dopo tutto…tutto questo chi se lo aspettava? chi mai ha vissuto una cosa del genere?

Non sappiamo come affrontarlo ora e, men che mai, sappiamo come dobbiamo affrontare il nuovo…il futuro.

Staremo a vedere…

So solo che, finalmente dopo tutti questi giorni a casa, sono diciamo…felice…in pace…anche con poco.

Alla prossima…se vi va…

Robs

Lascia un commento

La vita ultimamente…


Ho appena scoperto, da circa una settimana, che mi piace disegnare…

In realtà lo sapevo già, ma non sapevo se effettivamente mi ci sarei ritrovata completamente immersa e se mi ci sarei dedicata con costanza.

Ebbene…ieri, Pasqua, ho cominciato a disegnare alle 15 circa, un disegno a cui sto lavorando da giorni, ed ho fatto una pausa alle 18.30…e puff…il tempo è passato senza neanche accorgermene.

E’ come se fossi entrata in un buco temporale di circa 3 ore e fossi andata in un altro mondo.

Questa cosa, che in tempo di quarantena non fa male, mi ha completamente assorbito, facendo scorrere le ore senza sentire la classica pesantezza da lockdown.

Ma, perchè in tutto questo c’è un ma, provo difficoltà ad essere costante…mi faccio prendere spesso dalla noia e dalla pigrizia…quindi sto li con la voglia di disegnare, ma la procrastinazione è più forte di questa voglia, a volte.

Diciamo che è sempre stato un mio problema…odio e amo rimandare le cose…a volte lo faccio inconsciamente, a volte volontariamente, ma sono una persona dalla natura “rimandevole”.

Ho cercato varie volte negli anni di “costringere” me stessa a fare le cose e a farle coi tempi stabiliti, ma non è mai diventata un’abitudine.

Sapete che si dice che se fai una cosa costantemente per due settimane di fila, è li che allora diventa un’abitudine che poi facciamo con facilità e senza fatica.

Come allenarsi, mangiare sano, avere degli hobby, fare delle attività…ma no…niente da fare…continuo a perdermi nelle spire della noia e della pigrizia.

Io ora spero che questa situazione tremenda, che stiamo vivendo tutti noi, mi porti finalmente a cambiare qualcosa di me.

Mi ricordo dei miei giorni liberi da lavoro, dove ho molte cose da fare, tra cui prendermi cura di me e della mia casa, ma che poi finisco per passare tra letto e divano, intervallando il tuo con dei pasti.

Questa non è la vita che dovrebbe fare una donna della mia età nei suoi primi trent’anni.

Dovrei essere molto più attiva e prendermi cura di me e dell’ambiente che mi circonda…ma convivo con questi due lati, così lontani e discordanti, ma così presenti entrambi nella mia vita.

Avete presente quella sensazione che si ha quando ci si sta annoiando, si vuole fare qualcosa, ma allo stesso tempo non si ha voglia di muoversi e tutto sembra così complicato e difficile?

Forse esiste un nome a questa “cosa”…non saprei…forse è un disturbo, una situazione psicologica.

So soltanto che la sensazione è che io sia nata così e che ci morirò così…anche se spero di no…

Mi auspico…per me stessa…di avere la voglia di cambiare, perchè so che la mia vita sarebbe diversa, migliore, “viva”…

Tutto questo mi porterebbe anche ad avere ancor meno bisogno della compagnia di qualcuno…sarei, in qualche modo, più indipendente.

Per ora…son qui che ogni tanto scrivo…come passatempo, come distrazione, come per “estrarre” da me tutte queste sensazioni, quasi come dirle a voce alta, quasi come esorcizzarle…e spero vadano via.

Ho voglia di essere una persona migliore…e forse tutto questo mi aiuterà.

Peace out!

Robs out!

Alla prossima…se vi va!

Robs

Lascia un commento

come procede…se procede


E’ da qualche giorno che so di essere ormai finita in cassa integrazione…

Spero solo che tutto questo finisca il più presto possibile…e spero di poter ancora conservare un lavoro… ci tengo tanto alla mia indipendenza anche se molto semplice…non navigo nell’oro, ma almeno posso permettermi di pagare tutte le mie spese…
Da oggi anche il mio ragazzo è in cassa integrazione…e questa quarantena sembra che possa durare per sempre…
Ed oggi è il 17esimo giorno di quarantena…di isolamento volontario…che poi non è molto volontario…
E mi riscopro nostalgica…mi manca la mia piccola casa…in questi giorni mi sono venute in mente tantissime idee su come sistemarla…ma non posso…
Vorrei solo che questo periodo finisca…per sempre…come ne uscirò da tutto ciò?
Come sarà la mia vita dopo questo?
Come mi comporterò con le persone?
Come deciderò io di vivere la mia vita?
Sarò meno pigra?
Cercherò di costruire qualcosa? Un hobby?
Tante domande affollano la mia testa…e tutto quello che ho ponderato è quello di continuare a scrivere qui…come per conservare le memorie…di un periodo…tragico, ma unico nel suo genere…e chi se lo sarebbe mai aspettato?
Mah…chi vivrà vedrà…
A presto
Robs
Lascia un commento

Oggi è domenica…


Già…oggi è domenica…

Quel giorno fatidico che non ho mai libero…lavoro ogni domenica solitamente…

E me la sognavo quella domenica…sempre…tutti i giorni durante la settimana…

La domenica era l’unico giorno che potevo passare completamente con il mio ragazzo…la sognavo.

Ma questa domenica…sono a casa…sul divano…su netflix…ma niente sa di domenica…

Non ha la stessa valenza se non puoi goderne a pieno…se non puoi fare una “girata”…se non puoi fare una scampagnata…ma puoi solo stare a casa…

Questa domenica è uguale a tutti gli altri giorni…piatta…non entusiasmante…non sa di domenica.

Sempre qui…da sola…mentre tutti gli altri hanno un hobby…un gioco a cui giocare…persone da sentire online…su piattaforme di push to talk…

Ma io no…

E va beh…pazienza…

Questa domenica non sa di domenica…

Lascia un commento

la situazione…


Questo è un periodo particolare, stressante, noioso e doloroso.

Le cose da fare sembrano tante ma poi da mettere in pratica sono ben poche.

La noia è sempre li dietro l’angolo.

E io ancora non ho deciso in che lingua scriverò…forse entrambe…italiano ed inglese.

Sappiate che scriverò come se fosse un flusso di pensieri, quindi potrà sembrare tutto sconclusionato, ma non voglio limitarmi, e quindi scriverò così come viene.

Ho pulito tutta casa…più volte.

Soffro e mi annoio…forse è per questo che sono qui a scrivere.

Sono in clausura a casa del mio ragazzo da quasi due settimane…ma passavamo più tempo insieme quando ci vedevamo solo la sera dopo essere usciti da lavoro.

Ora ci sono i giochi online, internet, qualsiasi tipo di intrattenimento che però allontana le persone invece che avvicinarle.

E mi annoio.

Passo molto tempo con il coinquilino del mio ragazzo…ma vorrei stare col mio ragazzo.

Lo so sono qui che mi lamento, quando molte persone sono sole a casa…non oso immaginare come stiano vivendo questo periodo particolare.

La mia famiglia è lontana…ci separa 30 minuti di macchina e un mare…un mare che da attraversare richiede circa 10 ore di nave.

Li vorrei con me…vorrei poter passare del tempo con loro…vorrei farli stare bene e tranquilli, ma il mare ci continua a separare…e io non me la sono sentita moralmente di andare da loro e creare un bel casino.

Il lavoro…è tutta un’incognita…si parla di ammortizzatori sociali…ma io non so manco che cosa vuol dire…e mi spavento…e ho paura…e mi sento comunque sola.

Film, telefilm, video, musica…niente mi basta e mi soddisfa.

Mi sento in gabbia…ho sempre voglia di piangere, ma anche piangere non basta…qui nessuno capisce.

Cosa devo fare?

Odio quello che sta succedendo…non me lo aspettavo (e chi sennò)… è tutto surreale…e a volte mi ritrovo a pensare e ragionare…ma davvero sta succedendo tutto questo? Davvero siamo chiusi a casa e non possiamo uscire per nessuna ragione al mondo se non per lo stretto necessario?

E all’improvviso mi sento sopraffatta…addolorata…arrabbiata…e la gente non capisce…no ancora non capisce…e le cose vanno sempre peggio…sempre peggio.

Il mio ragazzo mi ha regalato una piantina…una meravigliosa piantina con bellissimi fiori gialli.

Ora posso prendermi cura di lei…visto che quando tutto questo finirà…le mie meravigliose 10 piante le ritroverò tutte morte…morte…come mi sento io ora…fa male.

Fa tutto male…

Tranne una cosa…con questo mega riposo forzato…la mia malattia…quella brutta bestia…sembra dormire…tranquilla tra placidi e rilassanti sogni.

Già…non sto patendo più quei forti dolori fisici che scandiscono solitamente la mia giornata e le mie attività…e penso di dovermene rallegrare…anche se tutto questo mi sta ricordando quanto io sia ferma e quanto io sia statica…ferma…immobile.

Ma almeno la bestia sta quieta e in disparte.

Ma continuo comunque a percepire i miei muscoli…e solo chi non ha questa malattia non può capire come ci si sente quando si percepiscono i propri muscoli ad ogni singolo movimento che fai…

Quel dolore lento…costante…sordo…che non ti da la possibilità di dormire…di restare di più a letto…perchè subito cominci a provare tutta una serie di dolori…ed è così che ti devi alzare…ti devi muovere…anche quando tutto quello che vorresti fare è cazzeggiare a letto o sul divano.

E non dormi…e le tue giornate iniziano troppo presto e finiscono troppo tardi.

Potessi lo farei…lo giuro…mi farei addormentare…per poi risvegliarmi tra 1 anno.

La chiamano clinica del sonno…ma qui in Italia non esiste di certo…troppo immorale…la chiesa non lo permette…ma molte persone guarirebbero dai molteplici malesseri mentali…se solo il loro cervello potesse essere messo in standby per qualche tempo…

Ho scritto molto, ma non sento di aver detto quasi niente in confronto a quello che sento dentro.

Vi saluto,

alla prossima se vi va…

Robs

Lascia un commento

we always want to talk shit out of our head…


I don’t know where this is coming from, but I felt the urge to start writing something…
Probably that’s why I decided to call my blog in that way…I need to talk shit out of my head.

Lascia un commento

Radici! trattamento pre-shampoo di Lush


Ciao a tutti!

Eccomi ritornata dopo un sacco di tempo!

Ho subito degli stravolgimenti nella mia vita (piacevolissimi) che mi hanno tenuta lontana da voi, ma eccomi qui a ritrovare il tempo per scrivervi.

Oggi vi parlo di un prodotto che sperimento da circa un anno e col quale mi sto trovando divinamente.

Questo prodotto è Radici, il trattamento pre-shampoo di Lush.

E’ un prodotto atto a rinforzare e stimolare il cuoio capelluto per far si che i vostri capelli crescano sani, forti, folti e anche più velocemente.

Immagine

Ecco come lo descrivono sul sito di Lush:

“Il megamassaggio preshampoo che prende il problema alla radice per far diventare forti e sani i capelli fini, fragili o fuggiaschi!

Le cose sane nascono da radici sane: un principio lineare che la natura non fa che confermare. Coltivate dunque quell’orto magnifico che è la vostra testa massaggiandola con un vero trattamento da pollice verde! L’ortica mantiene sano il cuoio capelluto e dona luce ai capelli, l’infuso di menta stimola i follicoli per tenere le radici ben piantate, il miele e l’olio d’oliva idratano e donano volume. Usatelo regolarmente sui capelli sottili, fragili o indeboliti… non li avrete mai visti così rigogliosi!”.

Io lo trovo a dir poco fantastico! Ho dei capelli veramente delicati, fini e fragili, grassi in cute. Ma questo prodotto mi ha dato davvero grosse soddisfazioni, perchè ora i miei capelli sono molto sani, forti e folti.

La cosa ancor più bella è che ora sono anche belli lunghi, in quanto la menta e l’ortica contenute all’interno hanno stimolato talmente tanto il mio cuoio capelluto, tanto che ora è iperattivo ahahah 😀

La mia cute ora non è più grassa come prima, anzi, prima i capelli li dovevo lavare ogni giorno praticamente, mentre ora mi durano puliti e leggeri per almeno 4 giorni!

Che soddisfazione!

Ma ora veniamo al modo di utilizzo!

Io uso questo trattamento almeno 2 volte a settimana, stendendolo solo sul cuoio capelluto e massaggiandolo per almeno 20 minuti, con massaggi delicati ma atti a stimolare la circolazione sanguigna. Poi procedo con il mio shampoo e balsamo di sempre 🙂

Ecco cosa invece propone Lush:

“Come si usa: applicatelo sul cuoio capelluto e massaggiate delicatamente ma abbondantemente, poi stendetelo su tutta la lunghezza dei capelli asciutti. Tenetelo su per 20 minuti, lavatevi i capelli normalmente e applicate un balsamo leggero. Bisogna massaggiare (e risciacquare) in modo delicato i movimenti troppo vigorosi o violenti non vanno bene. Usare tre volte la settimana per un paio di settimane per ottenere effetti davvero notevoli.”

Il prezzo è di € 17.95 e il barattolo contiene 225g di prodotto.

A me personalmente un barattolo mi dura intorno ai 3 mesi, che per me è veramente tanto! Anche il prezzo, data la qualità e i risultati che il prodotto mi ha dato, è veramente irrisorio. Basta pensare alle maschere e trattamenti vari che ci propinano in profumeria, per una maschera o un trattamento decente si va già a spendere più di questa cifra.

Ecco l’inci del prodotto:

Ingredienti

Acquistiamo i nostri ingredienti da fornitori che non testano sugli animali

Infuso di menta piperita (Mentha piperita)Acqua (Aqua)Cetearyl Alcohol & Sodium Lauryl Sulfate (Cetearyl Alcohol & Sodium Lauryl Sulfate)Disodium Laureth Sulfosuccinate (Disodium Laureth Sulfosuccinate)Acido citrico (Citric Acid),Propilene glicolico (Propylene Glycol)Miele (Honey)Olio essenziale di menta piperita (Mentha piperita)Olio essenziale di arancia (Citrus sinensis)Olio essenziale di menta verde (Mentha viridis)Olio essenziale di Pompelmo (Citrus paradisi)Essenza assoluta di ortica (Urtica dioica)Olio essenziale di Neroli (Citrus aurantium amara),Olio extravergine d’oliva (Extra Virgin Olive Oil)Limonene Linalool (Linalool)Citral (Citral)Profumo (Perfume)MethylparabenPropylparabene (Propylparaben)

Dunque miei cari, voi che ne pensate? Vi attira l’idea? O lo avete già provato?

Mi piacerebbe sapere il vostro parere!

Un bacione grande e alla prossima!

Persephone Vic

Lascia un commento

insomma…


Insomma…non ho più’ scritto nulla…forse anche perche’ non ho più’ tempo…fantasia? Voglia?
Comunque…sono ancora viva e forse scrivero’…
A presto
PersephoneVic

1 Commento

HO APERTO UN CANALE YOUTUBE!!! YYAAAAYY


Ciao Belli Ciao Belle!!!
Volevo comunicarvi che ho aperto un canale youtube senza pretese in cui parlo di tutto e di più…

Se vi va di farci un salto ed iscrivervi mi farete un grandissimo regalo!!!
Sapete che vi adoro!!! ❤ ❤ ❤
Intanto vi lascio col mio primo video stupidino…mi raccomando siate buoni XD
a presto

The Dark Hourglass

MyMakeupBox

è uno spazio in cui condividere idee e passioni (non solo make-up!) - Mi chiamo Laura, ho mille idee in testa e scarsa organizzazione per realizzarle tutte. "Ogni occasione è una possibilità!"

BookPeople

Howdy! We're the largest independent bookstore in Texas. This is our blog.

Dire Poesia

Incontri con poeti contemporanei in luoghi d'arte

I Sogni Ferrosi

diario, archivio, dazibao

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Vanity Nerd

si nerdeggia di cose estremamente futili

abadgirlovesilence

Just another WordPress.com sitee

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: